sabato 14 aprile 2018

I ricordi del legno

Chi non ha mai avuto le costruzioni di legno in classe o a casa? Noi si, e sicuramente anche voi. Noi li abbiamo utilizzati per tanto tempo e hanno resistito a molti traslochi. Ancora adesso, che le costruzioni di plastica hanno preso il sopravvento, è possibile trovarli  nelle scuole e nei nidi. I bambini li adorano. Sarà per il fatto che sono piacevoli al tatto e che portano con loro  i ricordi di tante  piccole mani che li  hanno utilizzati che vediamo sempre tanta concentrazione e scambio di relazioni  intorno a questo gioco. Molte teorie sullo sviluppo cognitivo  del bambino affermano che il gioco delle costruzioni   è un' attività molto importante e tutti quelli che lavorano  con e per i bambini lo sanno molto bene. In più il legno, a nostro avviso,  è il materiali migliore per i giochi dedicati all'infanzia. La qualità del prodotto e quindi del legno, fa sicuramente la differenza, se i mattoncini non si scheggiano,  se sono geometricamente perfetti, se non hanno nodi e venature troppo evidenti, siamo di fronte ad un prodotto di qualità. Per noi che siamo ecologiste e a favore di una sostenibilità dell'ambiente significa anche scegliere con attenzione prodotti provenienti da legname di foreste rinnovabili. Il tipo di mattoncini di legno più semplice, che a noi piace di più, è quello naturale con forme geometriche di base come cubo, parallelepipedo, cilindro  e forma a ponte o a tetto. Le dimensioni sono sempre combinabili  tra loro,  due cubi, per esempio, se affiancati occupano lo stesso spazio  di un altro pezzo a forma di parallelepipedo in quanto, come facilmente intuibile,  questo è possibile perchè sono proporzionati tra loro. Forse qualcuno di voi ne ha di vecchi e usurati dal tempo, ma non per questo devono essere eliminati.  Possiamo sempre dargli nuova vita, con un tocco di creatività!  

                                  
Ed è per questo che oggi vi presentiamo una variante molto interessante del mattoncino neutro. Si tratta di mattoncini di legno  colorati in alcune parti con tinte tenui.  Si possono acquistare già colorati  ma chi ha una buona manualità può provare a dipingerli da solo. Ovviamente è un lavoro da adulti!   Se avete mattoncini di legno vecchi, per fare un lavoro bello  e perfetto, vi consigliamo  di pulire bene eventuali tracce di sporco, passando  poi leggermente della carta vetrata fine su tutto il pezzo,  ricoprrendo con il nastro adesivo di carta  tutto quello che non volete dipingere  e poi colorate il vostro mattoncino come più vi piace!  Siamo sicure che seguendo queste poche regole e grazie alla vostre capacità di bricoleur farete un ottimo lavoro.  Se userete anche voi dei colori tenui i bambini beneficeranno della possibilità di utilizzare dei mattoncini con colori che rimandano  ad un ambiente calmo e ordinato. L'azzurrino, il bianco e il nero, il verde pallido, il rosa chiaro e il grigio potranno accompagnare il gioco dei bambini, rendendolo tranquillo e rilassato.  Vogliamo darvi un consiglio in più:  se potete mettete i mattoncini dentro una cesta non troppo grande e posizionatela in un angolo su di un tappeto. Noi abbiamo provato. Il risultato è stato ottimo, la sistemazione dello spazio è piaciuta molto ai bambini  perchè, come diceva Maria Montessori "Ai bambini piace il bello". I bambini sono attratti dalla bellezza delle cose, ne riconoscono il potere positivo su di loro e sull' ambiente. E noi?












    Credit: https://happylittlefolks.com/



Per contattarci: aldafulvia@gmail.com 
oppure

martedì 10 aprile 2018

L'arcobaleno è colorato


1

Buongiorno a tutti!
Buongiorno ai genitori e ai nonni  che ci seguono, cogliamo questa occasione per salutarli con affetto,  ma in particolare il nostro buongiorno va  a voi che lavorate quotidianamente  con i bambini. Siamo certe che  non vi sarà  sfuggita la cura e la sistemazione  di  questo  delizioso e semplice  mobile organizzato secondo i principi montessoriani: ogni cosa al suo posto, un posto per ogni cosa. L'ordine è indispensabile per i bambini, non solo per gli adulti.  Tutti abbiamo bisogno di ambienti curati per stare bene e per  questo anche i bambini, da un ambiente predisposto con cura, ricevono un messaggio importante: qui puoi imparare cose nuove, nessuno ti disturberà!
Un ambiente ordinato crea calma e concentrazione.    
Immagine correlata
Nei nostri corsi ribadiamo spesso questo concetto: il bambino è particolarmente sensibile nei confronti dell’ordine; nei primi 3 anni di vita è presente il periodo sensitivo dell’ordine che Maria Montessori, spega bene nei sui testi.
Durante i periodi sensitivi il bambino acquisisce compentenze importanti. In un ambiente caotico il bambino non si troverà a suo agio,  l’ordine esterno  è per lui una condizione necessaria per sviluppare la comprensione delle relazioni tra le cose. Vogliamo conoscere i colori?  Cosa c'è di meglio che iniziare con le spolette dei colori  montessoriane?
Possiamo mettere a disposizione dei bambini anche materiale diverso per permettere l'acquisizione della capacità di comprendere le relazioni tra gli oggetti e le cose, per esempio l'arcobaleno steineriano ha una importante funzione educativa.
L’arcobaleno è un fenomeno naturale che attira grandi e piccini. L’arcobaleno steineriano, che è  normalmente realizzato in legno  è affascinante per i bambini. Può aver moltissime dimensioni. Da grande per entrarci dentro a piccolo per essere preso in mano e composto, secondo la grandezza degli archi.



I materiali "fai da te"  sono molto utili se l'adulto che li preparara conosce  il  loro fine educativo.

Materiali poveri per giochi ricchi vi consiglia quindi: ordine e  cura dell'' ambiente, colori e  materiali diversi per permettere infinite esperienze.

2

3


4

5

6

7

8

 Credit:



Spolette montessori
Per contattarci: aldafulvia@gmail.com 
oppure

martedì 3 aprile 2018

Un compleanno magico.


fridabemighty.com
Cibo, cibo...  e compleanni. A volte festeggiare il compleanno dei bambini più che essere un piacere è un problema, specialmente al nido, specialmente a scuola. 
Ci sono  bambini con  intolleranze alimentari, bambini che non possono mangiare o addirittura toccare alcuni alimenti.  E allora perchè non organizzare una festa " SPECIALE " per festeggiare  tutti i nostri bambini? Un festa che non preveda la classica torta.
Dato che la nostra passione per il legno e le cose semplici non passa, anzi è continuamente alimentata da ricerche e studi che sostengono il nostro pensiero, vi proponiamo delle TORTE dolcissime e molto carine con la base di legno e con dei fori per accogliere candeline, numeri, e piccoli oggetti. 
Queste basi, corredate degli elementi giusti,  possono essere usati anche per ricorrenze di altro tipo o per  esempio come calendari mensili. ( Presto un nostro post sull' argomento!)
A noi queste immagini rimandano calma e tranquillità,  pensiamo  che anche i bambini possano ricevere lo stesso effetto se si propone loro di festeggiare il  compleanno con gli amici e compagni di scuola in un contesto sereno e piacevole.  Il compleanno è un giorno speciale! Per questo può essere caratterizzato da qualcosa di paricolare, come per esempio,  un cerchio magico che questa volta è dedicato solo a te!

      
1
2



3

4

5

5

7

8

9

10

11

12

13



fridabemighty.com

Per contattarci: aldafulvia@gmail.com 
oppure

venerdì 23 marzo 2018

Un angolo studio


Farfalle e rane sono il simbolo della metamorfosi  per eccellenza.
La meraviglia del fenomeno della trasformazione  si origina e si sviluppa senza interventi esterni, conducendo l'animale dalla condizione iniziale, con passaggi intermedi,  a quella  definitiva. 
I bambini sono attratti da questo processo, ne riconoscono un valore profondo quasi filosofico. 
Il primo caldo farà schiudere le uova e il processo naturale si svolgerà tutte le primavere.  
Perché, quindi  non organizzare un angolo studio, un angolo della natura, che segua le stagioni e permetta ai bambini di  apprendere cose nuove?
Possiamo organizzarlo  in modo semplice.
Cosa occorre? 
Un mobile non molto alto che permetta ai bambini di prendere  gli oggetti e i libri che  vi posizioneremo. 
Iniziamo con lo scegliere un  bel libro e un argomento.   Noi abbiamo scelto i tre titoli, di cui uno in inglese,  perchè no?  Ma ve ne sono molti altri altrettanto interessanti.
Cosa altro serve?  Sicuramente una piccola pianta che rallegri e porti i bambini ad avere attenzione e rispetto per questo spazio di studio.  Una pianta semi grassa  andrà benissimo.
Poi? 
Piccoli  oggetti  in miniatura  che ripropongono le immagini del  libro che abbiamo scelto o che siano in  linea con l'argomento che vogliamo proporre, questi piccoli oggetti, nel nostro caso,  bruco e farfalla,   serviranno per toccare con mano ciò che viene appreso dalle immagini e dalla lettura del libro.  Consigliamo di aggiungere  un puzzle di legno che sia in tema con tutto il resto.  Il puzzle della rana che ne ricostruisce i pezzi del corpo: zampe, corpo, coda e così via, sarà perfetto.
Poi, per i più grandi, pensiamo sia interessante proporre una lente di ingrandimento per permettere un'osservarvazione minuziosa dei particolari.  Infine, vi propniamo due libri per i più piccoli da leggere insieme. 
L'angolo è pronto!  
I bambini ne saranno entusiasti! Noi lo siamo e voi?


  

1

2
3

4
4



5
6

Per contattarci: aldafulvia@gmail.com 
oppure

martedì 20 marzo 2018

Una piccola scatola di cartone grezzo


Ogni tanto andiamo a curiosare nei siti dei migliori editori europei dove, il più delle volte si trovano cose, a nostro avviso, meravigliose.  Oggi visto che a Roma cadeva una pioggia incessante, ci siamo concesse una tazza di the caldo e un pomeriggio in compagnia del web.   Abbiamo trovato, nel sito del Les trois ourses,  la foto di una  piccola scatola di cartone grezzo, minimale particolarmente attraente con  delle tesserine dello stesso cartone  ma disegnate e colorate di rosso. Bellissime, nella loro semplicità! Non potevamo non scrivere questo post, volevamo condividere con voi questa scoperta.
Questo gioco  dal titolo Le Bout Qui Manque, nasce  dalle mani di un grande e poliedrico artista: Ramuntcho Matta che lo consegna  per la pubblicazione alla casa editrice francese. Una casa editrice da tenere d' occhio!
Si tratta di un gioco di memoria di 26 carte di dimensioni  50x50 mm.  
L'idea nasce  all'artista mentre  tiene in mano un semplice quadrato in feltro rosso e paio di forbici e inizia a tagliare... un po' come fanno i bambini... ed ecco nascere molte possibili  combinazioni  per parlare con i bambini di uno dei più importanti strumenti dell' arte: il  negativo e il positivo.


 

Les trois ourses.







Per contattarci: aldafulvia@gmail.com 
oppure